Voglio rimettere tutti i denti su impianti: è meglio una protesi fissa o rimovibile? ( Prima Parte)

Nell’immaginario collettivo una protesi fissa viene considerata migliore e più pregiata rispetto ad una rimovibile ed è vero se parliamo di protesi fissa su denti naturali.  Nel caso di protesi totale su impianti invece, è vero il contrario. Una protesi rimovibile di qualità ha molti vantaggi rispetto ad una protesi che è fissata, avvitata, nella bocca del paziente. 

La domanda del titolo ci viene rivolta spesso dai nostri pazienti. In questo articolo, in due parti, parliamo delle opzioni possibili nel caso di una riabilitazione totale, dove cioè non sia presente nessun elemento dentario naturale in una delle due arcate o in entrambe.

Un concetto molto importante che il paziente deve tenere in mente quando decide una riabilitazione impiantare è l’igiene orale domiciliare giornaliera: è fondamentale per la durata del lavoro che gli impianti possano essere puliti ogni giorno, possibilmente con una certa facilità e in poco tempo. Se intorno agli impianti viene lasciata depositare la placca batterica, residui alimentari e sporcizia varia,  nel giro di poco tempo gli impianti “si ammalano” ( perimplantite ) e cadono, tutto il lavoro protesico è perso.

Esaminiamo nel dettaglio quattro possibili riabilitazioni di un’arcata inferiore edentula, cioè senza nessun dente, due di tipo economico, in questa prima parte, e due più pregiate nella seconda parte che sarà pubblicata prossimamente. Tra soluzioni economiche e pregiate i concetti fondamentali sono gli stessi , i risultati, ovviamente, molto diversi.

1) La protesi economica fissa  consiste in pratica in una protesi totale in resina con denti in resina ( la classica dentiera) , su cui vengono praticati delle aperture in corrispondenza degli impianti dove passano delle viti che bloccano la protesi in bocca al paziente.

Questa è tipicamente una soluzione che viene adottata come provvisoria nel caso in cui si facciano impianti con carico immediato ma è proposta spesso come lavoro definitivo (ovviamente di bassa qualità) da strutture low cost o di turismo dentale.

2) La protesi economica rimovibile ha la stessa base di partenza: una protesi totale in resina con denti in resina. La differenza è che invece di avere delle viti che la bloccano agli impianti ci sono degli attacchi ( chiamati overdenture o locator) che ne permettono la rimozione dal cavo orale per la pulizia.

Esaminiamo nel dettaglio queste due soluzioni: Iniziamo mostrando due protesi totali interamente in resina, realizzate su pazienti edentuli, senza impianti.

protesi-totali

Come possiamo vedere, anche le classiche “dentiere”, quando di qualità ( denti di marca, gengiva artificiale caratterizzata, colorata e conformata anatomicamente come la gengiva naturale) sono esteticamente valide. Scoprendo le labbra vediamo la gengiva artificiale ma non notiamo che è finta. Sembra una gengiva vera. L’effetto estetico è molto naturale.

Il difetto delle classiche protesi mobili è che non stanno molto ferme, sopratutto l’inferiore, mentre la superiore ha il palato in resina, che non tutti accettano volentieri. Ecco allora che ricorriamo agli impianti.

overdenture0001

Protesi su impianti, rimovibile. Inserendo quattro impianti e attacchi tipo overdenture o locator possiamo avere, esteticamente, lo stesso risultato della protesi della foto precedente, con la stabilità di una protesi fissa che per le operazioni di igiene quotidiana può essere rimossa dal paziente, il quale, in questo modo, può pulire agevolmente protesi e impianti.

Soluzione rimovibile con due impianti, molto estetica , un po' meno stabile che con con quattro impianti.

Soluzione rimovibile con due impianti,  esteticamente valida, un po’ meno stabile che con con quattro impianti.

Notare che in questo tipo di soluzione il bordo anteriore della protesi, ovvero la gengiva artificiale, copre completamente la gengiva naturale. Mangiando, saranno pochi i residui alimentari che andranno ad incastrarsi sotto la protesi, che comunque dopo i pasti può essere agevolmente rimossa e pulita.

Esaminiamo adesso la soluzione avvitata e quindi fissa nella bocca del paziente.

Nella soluzione avvitata una protesi simile a quella presentata nella prima foto di questo articolo viene bucata in corrispondenza dei quattro impianti.

Nella soluzione avvitata una protesi simile a quella presentata nella prima foto di questo articolo viene bucata in corrispondenza dei quattro impianti.

Sui quattro impianti sono montate delle

Sui quattro impianti sono montate delle “torri”  avvitate agli impianti, inglobate poi nella protesi tramite resina autoindurente direttamente in bocca al paziente.

Dato che come dicevamo la pulizia giornaliera e FONDAMENTALE per la durata degli impianti e questa protesi è bloccata in bocca e il paziente non può togliersela TUTTO il bordo anteriore della protesi viene tagliato via.

Dato che, come dicevamo, la pulizia giornaliera è FONDAMENTALE per la durata degli impianti e questa protesi è bloccata in bocca ed il paziente non può togliersela, TUTTO il bordo anteriore e posteriore della protesi viene ELIMINATO per permettere la pulizia degli impianti.

Ed ecco il risultato della protesi avvitata in bocca al paziente.

Ecco il  risultato  della protesi avvitata in bocca al paziente. (in questo caso, trovato sul web, si tratta di una protesi provvisoria, ma come dicevamo nel testo, è la soluzione proposta come definitiva dai centri dentali low cost nostrani o da turismo dentale.)

Dato che il bordo anteriore e posteriore sono stati eliminati, scoprendo il labbro vediamo la fine della protesi, gli impianti, e la gengiva naturale sottostante.

Nonostante l’assenza del bordo anteriore, le operazioni di pulizia giornaliera non sono molto semplici. Mangiando gli spazi tra protesi e gengiva naturale si riempiono di cibo. Tracce di residui alimentari rimangono spesso incastrati nella parte sottostante, anche dopo la pulizia, causando alitosi.

E’ importante notare che soluzioni con spazi tra protesi e gengiva naturale minori sono migliori  esteticamente, ma decisamente sconsigliabili perché molto più difficili da pulire. Su questo tipo di protesi, più spazio c’è tra la protesi e la gengiva naturale, meglio è. La soluzione ideale per la durata degli impianti prevede, come nella foto sopra, la protesi completamente staccata dalla gengiva naturale.

E’ esteticamente brutta ( da notare che chi propone questo tipo di protesi negli annunci pubblicitari o nei propri siti web non fa MAI vedere  la protesi inserita in bocca scoperta dal labbro), mangiando si riempie di cibo, ma almeno, protesi e impianti, possono essere puliti più efficacemente.

Negli annunci pubblicitari di chi propone protesi avvitate non viene mai fatta vedere la protesi inserita in bocca al paziente.

Da notare: negli annunci pubblicitari di chi propone protesi avvitate low cost, non viene mai fatta vedere la protesi inserita in bocca con il labbro abbassato.  O vediamo disegni come questo o altrimenti vediamo  la protesi in bocca al paziente con il labbro che copre la parte implantare.

Il protocollo prevede che una volta l’anno questi lavori debbano essere tolti dal dentista per controlli. Colleghi che eseguono spesso questo tipo di protesi a basso costo, riferiscono che, quando i pazienti tornano in studio per l’annuale rimozione, è necessario spalancare le finestre per il tanfo terribile emanato da questi apparecchi . Nonostante queste importanti controindicazioni, la protesi avvitata ( chiamata anche Toronto, dal nome della città dove Branemark, un pioniere dell’implantologia, presentò questa metodica per la prima volta e che si rivolterebbe nella tomba se vedesse che razza di obbrobri vengono eseguiti ispirandosi alla sua tecnica)  o All in Four ( sostanzialmente simile)  è oggigiorno una delle soluzioni implantari più in voga. Perché? Le ragioni sono diverse e proviamo a spiegarle:

  •  Il dentista low cost che pubblicizza ” Denti fissi su impianti a X Euro”  adotta un messaggio accattivante ma ingannevole contando sul fatto che il pubblico ritenga la protesi fissa la soluzione migliore sempre e comunque.
  • E’ più economica della protesi rimovibile.
  • E’ più faticoso spiegare al paziente che dovrebbe spendere di più per una protesi rimovibile rispetto ad una fissa.
  • Per il dentista velocità e semplicità di esecuzione.
  • Per il paziente il falso vantaggio di poter dire al vicino ” Mi son fatto i denti fissi e ho speso poco” .

In conclusione, se un paziente deve avere in bocca la classica dentiera ( perché di questo si tratta), solo un po’ modificata, è molto meglio che questa sia rimovibile piuttosto che fissa. Usando attacchi di qualità abbiamo la stessa stabilità di una protesi avvitata, non soggetta a movimenti, ne’ durante la masticazione ne’ durante altre attività. Ed è esteticamente migliore, più pratica e più igienica.

Prossimamente, nella seconda parte dell’articolo, esamineremo due soluzioni implantari pregiate, una con protesi rimovibile e una con protesi avvitata.

5 pensieri su “Voglio rimettere tutti i denti su impianti: è meglio una protesi fissa o rimovibile? ( Prima Parte)

  1. Giuseppe

    Protesi “protesi fissa” o “protesi mobile”? Molte volte le scelte sono dovute alle necessità economiche del paziente. Riguardo la pulizia giornaliera, se una protesi fissa è fatta bene, richiede un minimo di impegno da parte del paziente, e un minimo di controlli periodici dal proprio dentista/igienista. Chi va a spendere migliaia di euro per una protesi fissa, in genere non la trascura nel tempo. Come in ogni cosa, ci vuole un pochino di impegno. Un lavoro ben fatto di protesi totale fissa non soltanto ti regala un bel sorriso, ma soprattutto è come rinascere un’altra volta, ma con la consapevolezza di chi adesso sa cosa deve fare per mantenere nel tempo la propria salute e la propria bellezza. Tutte le protesi semifisse come la Toronto su gengive artificiale, purtroppo sono molto difficile da gestire, credo proprio per la gengive artificile che in certi casi è quasi inevitabile. Piuttosto, posso fare io una domanda? Perchè i lavori proteisici non vengono sovvenzionati dalla Sanità pubblica?

    "Mi piace"

    Rispondi
    1. Ambulatori Odontoiatrici Splendental Autore articolo

      Buonasera sig. Giuseppe,
      grazie per il suo commento.

      Parlando di costi, tenga presente che, a parità di materiali costruttivi e numero di impianti, una protesi rimovibile è sempre più costosa di una protesi fissa, perché il sistema sistema usato per la ritenzione della protesi fissa sono delle semplici viti ( che si avvitano agli impianti), nel caso di una protesi rimovibile ci sono dei sistemi di attacchi che, a volte ( ad esempio nel caso di barre fresate dal pieno), possono essere anche molto costosi.

      Quindi, in linea generale, una protesi implantare completa fissa costa meno di una protesi implantare completa rimovibile.

      Per protesi fissa si intendono tutte quelle che non possono essere rimosse dal paziente, quindi anche la Toronto rientra nella categoria.

      A causa della retrazione ossea, che avviene dopo la perdita di tutti i denti naturali, è rarissimo che si possa fare una protesi implantare completa, fissa o rimovibile che sia, senza la gengiva artificiale. La gengiva artificiale serve a compensare questa perdita ossea.

      Come opinione e gusto personale, cioè, se dovessi farmi una protesi per me, preferirei una soluzione, magari top di gamma, ma rimovibile se si parla di riabilitazione complete su impianti.

      Mentre, al contrario, se si parla di riabilitazioni complete su denti naturali le protesi fisse ( quindi corone, ponti o faccette, rigorosamente in ceramica integrale metal free, non metallo-ceramiche) sono imbattibili.

      Verissimo che, in ogni caso, per tutte le tipologie di protesi, è indispensabile un impegno da parte del paziente per igiene orale domiciliare e visite di controllo e di igiene, dall’Igienista, periodiche.

      All’ultima sua domanda, non so rispondere.

      Cordiali saluti

      dott. Roberto Toccafondi

      "Mi piace"

      Rispondi
  2. Claudio Andrea niccolai

    …ma allora uno senza più denti cosa è meglio fare? Andare avanti con la classica dentiera o con impianti ? E se impianti come tenere pulito? È da tempo che cerco di capire cosa è meglio fare. Mi piacerebbe avere i denti fissi e buttare via la pasta adesiva una volta per tutte. Ma ho paura della perinplantite . Il cibo rimasto lì fermo è il problema.

    "Mi piace"

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...